Rosi Braidotti

Latisana (Udine) 1954 - vivente
Download PDF

Rosi nasce nella bassa friulana.Ha un fratello e una sorella più piccoli e compie i primi anni di studi al Liceo Classico di Udine.Nel 1970 la sua famiglia decide di emigrare in Australia e Rosi lascia nonni, cugini e amici con grande dolore per affrontare un lungo viaggio in nave per non si sa dove. Non conosce una parola di inglese, comincia a studiarlo durante i quaranta giorni di traversata; dopo molti scali e avventure, arriva in un poco accogliente sobborgo per emigrati italiani di Melbourne dove cercherà faticosamente di ambientarsi e ricucire un nuovo modo di vivere. Questo sradicamento procura un grande dolore nella adolescente Rosi, ma porrà i fruttuosi semi di una promettente carriera di “filosofa del nomadismo”. Si laurea all’Università di Canberra nel 1977 conseguendo immediatamente due importanti riconoscimenti: la University Medal in Philosophy e l’University Tillyard Prize. Con una borsa di studio si trasferisce a Parigi per il Dottorato in Filosofia alla Sorbona, che ottiene nel 1981.
Parigi è un crogiuolo di avvenimenti e occasioni e gli anni trascorsi lì sono cruciali per la sua formazione filosofica ed esistenziale: conosce infatti Foucault, Barthes, Simone de Beauvoir e Luce Irigary, ma soprattutto Gilles Deleuze con il quale darà vita a un duraturo sodalizio teorico. A Parigi incontra anche il femminismo e la psicoanalisi che imprimeranno un’ulteriore svolta al suo pensiero.
Nel 1988, a soli 34 anni, ottiene la prestigiosa cattedra – la prima in Europa – di Women’s Studies nell’antica e blasonata Università di Utrecht, in Olanda, mentre nel 1995 fonda e dirige la Netherland Research School of Women’s Studies, incarico che manterrà fino al 2005. In questo volgere di anni Rosi si può considerare una delle fondatrici degli studi di genere in Europa, l’iniziatrice di network europei come ATHENA e NOISE e una delle femministe teoriche più significative. Fondamentali, in questo senso, le sue opere: Patterns of Dissonance, Nomadic Subjects: Embodiment and Sexual Difference in Contemporary Feminist Theory, Metamorphoses: Towards a Materialist Theory of Becoming, Transpositions: On Nomadic Ethics.
Nel 2005 diviene Distinguished Professor in the Humanities e direttore del nuovo Centre for the Humanities dell’Università di Utrecht.
L’8 marzo 1998 grazie ad una nuova legge del governo olandese ha potuto sposare la sua compagna di vita Anneke Smelik docente di Visual Art all’Università di Nijmegen, con una cerimonia toccante, seguita da una bellissima festa con famiglie e amici arrivati da ogni angolo del mondo.
Rosi è cittadina italiana e australiana ma risiede stabilmente in Olanda; figura fondamentale nella scena culturale europea e internazionale a cavallo dei due secoli, è una pensatrice originale ed eccentrica nell’ambito della filosofia femminista, dell’epistemologia, del post strutturalismo e della psicoanalisi, ed ha saputo coniugare un grande rigore di studio con una intensa generosità nelle relazioni d’amicizia e d’amore.

Fonti, risorse bibliografiche, siti

Rosi Braidotti, Patterns of Dissonance, Cambridge, Polity Press 1991
[trad. it. Dissonanze. Le donne e la filosofia contemporanea. Verso una lettura filosofica delle idee femministe, Milano, La Tartaruga 1994]

Rosi Braidotti, Nomadic Subjects: Embodiment and Sexual Difference in Contemporary Feminist Theory, Cambridge, Columbia University Press 1994
[trad. it. Nuovi soggetti nomadi. Transizioni e identità postnazionaliste, Roma, Luca Sossella Editore 2002]

Rosi Braidotti, Metamorphoses: Towards a Materialist Theory of Becoming, Cambridge, Polity Press 2002
[trad. it. In metamorfosi: Verso una teoria materialistica del divenire, Milano, Giangiacomo Feltrinelli Editore 2003]

Rosi Braidotti, Baby Boomers: Vite parallele dagli anni Cinquanta ai cinquant‘anni, Firenze, Giunti 2003

Rosi Braidotti Madri, mostri e macchine, Roma, Manifestolibri 2005

Rosi Braidotti Transpositions: On Nomadic Ethics, Cambridge, Polity Press 2006 [trad. it. Trasposizioni. Sull‘etica nomade, Roma, Luca Sossella Editore 2008]

Rosi Braidotti La philosophie...là où on ne l’attend pas, Parigi, Larousse 2009

Annamaria Tagliavini

Laureata in Filosofia, dal 1994 dirige la Biblioteca Italiana delle Donne di Bologna, femminista, da lungo tempo è impegnata nel campo dell’informazione e della documentazione di genere. Fa parte dell’Associazione Orlando e di importanti organizzazioni femminili e femministe internazionali come WINE - Women Information Network Europe e Know How on the World of Women Information Conference Permanent Comittee.

Leggi tutte le voci scritte da Annamaria Tagliavini