Sulpicia

I sec. a.C.
Download PDF

Tandem venit amor, qualem texisse pudore
quam nudasse alicui sit mihi fama magis.

Exorata meis illum Cytherea Camenis
attulit in nostrum deposuitque sinum.

Exsolvit promissa Venus: mea gaudia narret,
dicetur si quis non habuisse sua.

Non ego signatis quicquam mandare tabellis,
me legat ut nemo quam meus ante, velim,

sed peccasse iuvat, vultus componere famae
taedet: cum digno digna fuisse ferar.
1

Come è noto, la storia dei manoscritti tibulliani ha rivelato la presenza di materiale poetico che va ben oltre i lasciti di Tibullo. All’interno del Corpus Tibullianum, erroneamente per secoli attribuito all’autore elegiaco, si trova una raccolta di opere appartenenti a diversi autori, tra cui i componimenti del I secolo a.C. di una poetessa romana inizialmente ritenuta solamente una voce narrante, una persona poetica, di Tibullo. Eccezion fatta per i suoi stessi componimenti, infatti, nessun altro testo antico fa riferimento al suo nome o alla sua produzione poetica2)

Soltanto nell’Ottocento, Sulpicia è stata riconosciuta come poetessa ma il suo riconoscimento ha comportato anche una valutazione peggiorativa dello stile elegiaco dei suoi componimenti: il suo linguaggio non era più considerato di raffinata eleganza tibulliana, quanto piuttosto un “latino femminile”3. Persino in anni più recenti, autorevoli classicisti hanno fortemente negato l’esistenza della poetessa romana a favore di una chiara autorialità maschile4.

L’affermazione di Sulpicia come autrice ha comportato quindi due passi distinti: identificarla come figura storica e riconoscerla come poetessa. Si è trattato di lavori di tipo storico-sociale e prosopografico, oltre che di studi di tipo letterario sulla sintassi e sul linguaggio nel tentativo di valorizzarne l’ars poetica. Queste ricerche si sono basate soprattutto sui testi poetici di Sulpicia e ne hanno ricostruito una ipotetica appartenenza all’aristocrazia romana, con un’essenziale connessione familiare con il mecenate Messalla. Questo rapporto le avrebbe garantito un più facile accesso all’istruzione e ne avrebbe favorito il rapporto con i poeti (Tibullo, Orazio e Ovidio) cui il patrono era legato.

Sulpicia è stata identificata come nipote di Servio Sulpicio Rufo (cons. nel 51 a.C.) e di Postumia in quanto figlia dell’omonimo Rufo e di Valeria, sorella di Messalla5. Queste congetture si basano sui suoi testi stessi: l’elegia 3.14 in cui si riferisce a Messalla e la 3.16 dove si presenta come figlia di Servio. È stato quindi suggerito che alla morte del padre Sulpicia sia stata accolta dal parente maschio più vicino, Messalla, fratello della madre Valeria. Questa relazione giustificherebbe il ruolo autoritario e decisionale del patrono nei confronti di Sulpicia nell’opera 3.14, in cui la poetessa viene costretta a spostarsi lontano da Roma per volere di Messalla.

Se è ragionevole aspettarsi un elemento di realtà dai poemi elegiaci, tuttavia in questo genere poetico la realtà è soprattutto costruzione letteraria e, in linea con quanto fanno Properzio, Tibullo e Ovidio nei loro componimenti, Sulpicia si presenta come il soggetto della narrazione. Come altri poeti contemporanei, l’autrice sottolinea non tanto la sua filiazione, quanto l’importanza sociale del suo status (allo stesso modo, Ovidio fornisce a chi legge il proprio background sociale in relazione alla sua scelta di essere un poeta elegiaco).

Questi dispositivi letterari sono, infatti, orientati a costruire una percezione della realtà piuttosto che a rivelare effettive informazioni biografiche; le invocazioni ai patroni, molto comuni nella letteratura contemporanea, sono in sostanza uno stratagemma poetico per aumentare la “realtà” del poema attraverso la presenza di figure storiche reali e per affermare la persona stessa dell’artista all’interno di un’apprezzata nicchia letteraria6. Anche il legame con Messalla può essere letto dunque nella stessa prospettiva. Interpretare la relazione con il patrono letterario in termini esclusivamente familiari minimizza il ruolo dell’autrice all’interno del panorama poetico romano.

Così come l’interesse storico-sociale nei confronti di Sulpicia ha messo in secondo piano l’attenzione per gli strumenti letterari utilizzati dalla stessa poetessa, anche gli studi di tipo testuale hanno contribuito, in parte, a sottovalutare il peso del suo corpo poetico. Nel tentativo di dimostrare le sue capacità elegiache, il dibattito accademico si è concentrato infatti su una parte limitata del corpus attribuibile a Sulpicia.

È communis opinio che i testi da ascriverle siano solamente sei brevi epigrammi e che le rimanenti poesie del ciclo (cinque in totale), più lunghe e più convenzionali rispetto al genere elegiaco, siano da attribuire a una pseudo-Sulpicia e/o ad un anonimo “amico”. Nonostante nessuno dubiti della capacità artistica di Properzio o Catullo nel comporre brevi epigrammi così come testi più lunghi e complessi, sembra invece difficile immaginare una simile abilità da parte di una donna7. Questo approccio ha determinato una divisione del corpus dei testi su/di Sulpicia e un’attenzione maggiore per gli epigrammi rispetto alle elegie pseudo-Sulpiciane.

Come pochissime altre studiose in materia, ritengo invece possibile che tutti i componimenti su e di Sulpicia presenti nel terzo manoscritto “Tibulliano” possano risultare da un’unica mano, proprio quella di una poetessa8. Le mie argomentazioni, presentate in altre sedi, a favore dell’uniformità del ciclo si basano sulla coerenza della persona creata dall’autrice, incentrata principalmente sui suoi interessi poetici e sulla trattazione peculiare di alcuni tropi dell’elegia.

Leggendo Sulpicia al di là dello stereotipo secondo cui alcune composizioni riflettono semplicemente le pene d’amore tra una donna e il suo amante e usando tra l’altro le stesse lenti adoperate per la tradizione elegiaca maschile, è possibile rintracciare un’attenzione prettamente letteraria (mascherata dall’erotico) in tutto il ciclo degli undici componimenti. Tutti i testi confrontano e utilizzano infatti riferimenti letterari di tipo metapoetico con particolare attenzione all’epica, al teatro, alla lirica greca e ovviamente all’elegia latina.

Ne emerge una figura chiaramente presente sul e dialogante con il panorama artistico contemporaneo e che afferma in maniera unica la propria maternità poetica. La descrizione del corpo della persona di Sulpicia è indistinguibile dal suo corpus letterario e la riproduzione sessuale è generatrice di produzione poetica.

Allo stato attuale delle nostre conoscenze, nessuna interpretazione e nessuno studio, per quanto approfondito, potranno mai chiudere in maniera definitiva il dibattito accademico in merito all’autorialità del ciclo Sulpiciano. Ma è bene ammettere che la storia della tradizione manoscritta e il dibattito accademico già esistente e dominante influenzano il mondo in cui concepiamo l’autorialità (o la diamo per assunta).

  1. Finalmente è giunto Amore, un tale Amore che, per la mia reputazione, sarebbe più vergognoso celare con pudore piuttosto che rivelarlo a qualcuno.

    Persuasa dalle mie poesie, Venere citerea me lo ha portato qui
    e lo ha deposto sul mio grembo.

    Venere ha mantenuto le sue promesse: narri i miei piaceri d’amore
    colui che si dice sia privo dei propri.

    Non vorrei mai affidare uno scritto a delle tavolette sigillate
    perché nessuno mi legga se non il mio amante.

    Ma mi piace trasgredire e mi annoia atteggiarmi a virtuosa:
    possa io essere ricordata per essere stata degna con un uomo degno.  ^

  2. Sorvolo sui riferimenti agli studi di tipo epigrafico, sottolineo soltanto che tra le prove epigrafiche addotte per dimostrare l’esistenza storica di Sulpicia c’è un’iscrizione funeraria rinvenuta nel 1929 che alcuni studiosi hanno attribuito alla stessa Sulpicia e in cui si fa riferimento ad una “lettrice di Sulpicia” o “lettrice per Sulpicia”. Negli anni ’70 del secolo scorso si è anche cercato di ricostruire l’esistenza della famiglia di Sulpicia ad Arretium in base alla menzione che la stessa poetessa fa della sua campagna e sebbene la ricerca non abbia confermato l’esistenza di Sulpicia (o del suo amante), lo schema dei nomi recuperati in questa località in reperti epigrafici suggerisce la presenza nella zona della stessa gens e degli stessi nomi, una testimonianza che ha ulteriormente alimentato l’interesse sulla natura della relazione tra Sulpicia e il suo amante Cerinto (Fatucchi, 1976: 145–160.  ^
  3. Skoie, 2002: 131 e 194.  ^
  4. Si vedano soprattutto Holzberg (1999) e Hubbard (2005). Recentemente Alison Keith (2022) ha notato come questo trend sia più esteso rispetto ai nomi qui riportati.  ^
  5. Lyne, 2007: 344–345  ^
  6. Gold, 2012: 303–317  ^
  7. Parker, 2006: 17–29  ^
  8. Hallett, 2002; Hallett, 2009  ^

Fonti, risorse bibliografiche, siti

Fabre-Serris, J. “Intratextuality and Intertextuality in the Corpus Tibullianum (3.8–18).” In Intratextuality and Latin Literature, edited by S. Harrison, S. Frangoulidis, and T. Papanghelis, 67–79. Berlin: De Gruyter, 2018.

Fabre-Serris, J. “Sulpicia, Gallus et les élégiaques: Propositions de lecture de l’épigramme 3.13.” EuGeStA 7 (2017): 115–139.

Fatucchi, A. “Le ferie aretine di Sulpicia (nota topografica).” “Orpheus” rivista di Umanità classica e cristiana 13, no. 1–2 (1976): 145–160.

Flaschenriem, B. “Sulpicia and the Rhetoric of Disclosure.” Classical Philology 94, no. 1 (1999): 36–54. = “Sulpicia and  the Rhetoric of Disclosure.” In Women Poets in Ancient Greece and Rome, edited by E. Greene, 169-191. Norman: University of Oklahoma Press, 2005.

Gold, B. “Patronage and the Elegists: Social Reality or Literary Construction?” In A Companion to Roman Love Elegy, edited by B. Gold, 303–317. Chichester: Blackwell Publishing Ltd, 2012.

Hallett, J. “Scenarios of Sulpiciae: Moral Discourses and Immoral Verses." EuGeStA 1 (2011): 79–97.

Hallett, J. “Sulpicia and Her Fama: An Intertextual Approach to Recovering Her Latin Literary Image.” Classical World 100, no. 1 (2006): 37–42.

Hallett, J. “Sulpicia and Her Resistant Intertextuality.” In Jeux de voix: enonciation, intertextualité, et intentionnalité dans la littérature antique, edited by D. Mal-Maeder, A. Burnier, and L. Núñez, 141–155. Bern: Peter Lang, 2009.

Hallett, J. “Sulpicia and the Valerii: Family Ties and Poetic Unity.” In Noctes atticae: 34 Articles on Graeco-Roman Antiquity and its Nachleben, edited by B. Amden, P. Jensen, T. Nielsen, C. Tortzen,  141–149. Copenhagen: Museum Tusculanum Press, 2002.

Hallett, J. “The Eleven Elegies of the Augustan Poet Sulpicia”. Vol. 1, Women Writing Latin from Roman Antiquity to Early Modern Europe, edited by L. Churchill, 45–67. London: Routledge, 2002.

Haupt, M. “Varia.” Hermes 5 (1871): 21–47.

Hauser, E. “Optima tu proprii nominis auctor: The Semantics of Female Authorship in Ancient Rome, From Sulpicia to Proba.” EuGeStA 6 (2016): 151–186.

Hinds, S. “The Poetess and the Reader: Further Steps Towards Sulpicia.” Hermathena 143 (1987): 29–46.

Holzberg, N. “Four Poets and a Poetess or a Portrait of the Poet as a Young Man? Thoughts on Book 3 of the Corpus Tibullianum.” The Classical Journal 94, no. 2 (1999): 169–191.

Hubbard, T. “The Invention of Sulpicia.” The Classical Journal 100, no. 2 (2005): 177–194.

Keith, A. “Tandem venit amor: A Roman Woman Speaks of Love.” In Roman Sexualities, edited by J. Hallett and M. Skinner, 295–310. Princeton: Princeton University Press, 1997.

Keith, A. “Sulpicia: A Latin Sappho?” Presentation at the University of Victoria, Victoria, BC, February 17, 2022.

Lyne, R. Collected Papers on Latin Poetry. Oxford: Oxford University Press, 2007.

L
owe, N. “Sulpicia's Syntax.” Classical Quarterly 38, no. 1 (1988): 193–205.

Merriam, C. “Sulpicia and the Art of Literary Allusion: [Tibullus] 3.13.” In Women Poets in Ancient Greece and Rome, edited by E. Greene, 158–168. Norman: University of Oklahoma Press, 2005.

Milnor, K. “Sulpicia's (Corpo) Reality: Elegy, Authorship, and the Body in {Tibullus} 3.13.” Classical Antiquity 21, no. 2 (2002): 259–282.

Parker, H. “Catullus and the ‘Amicus Catulli’: The Text of a Learned Talk.” The Classical World 100, no. 1 (2006): 17-29.

Parker, H. “Sulpicia, the Auctor de Sulpicia, and the Authorship of 3.9 and 3.11 of the Corpus Tibullianum.” Helios 21, 62.1 (1994): 39–62.

Piastri, R. “I carmi di Sulpicia e il repertorio topico dell’elegia.” Quaderni del Dipartimento di filologia, linguistica e tradizione classica (1998): 137–170.

Piastri, R. “Il Ciclo di Sulpicia.” Bollettino di Studi Latini 28 (1998): 105–131.

Roessel, D. “The Significance of the Name Cerinthus in the Poems of Sulpicia.” Transactions of the American Philological Association (1974–2014) 120 (1990): 243–250.

Santirocco, M. “Sulpicia Reconsidered.” The Classical Journal 74, no. 3 (1979): 229–239.

Skoie, M. Reading Sulpicia: Commentaries 1475–1990. Oxford: Oxford University Press, 2002.

Novella Nicchitta

Novella Nicchitta ha recentemente completato un percorso di Master of Arts con tesi sul Corpus Sulpicianum presso l’università Victoria in Canada. Attualmente coordina la didattica applicata – Service Learning – alla Saint Mary’s University in Nuova Scozia, Canada. A breve parteciperà alla conferenza “Feminism & the Classics: Body/Language” alla Wake Forest University a Winston-Salem, North Carolina, con un intervento sulla poesia 3.8 del Corpus Sulpicianum.

Leggi tutte le voci scritte da Novella Nicchitta