Rassegna Editrici Femministe. Secondo incontro on line 24 marzo ore 18.00

Vi segnaliamo il secondo incontro on line della Rassegna Editrici Femministe organizzata dalla Casa delle donne di Milano in collaborazione con enciclopediadelledonne.it

24 Marzo 2021 ore 18.00 

Esplorando l’editoria femminista 

Quattro editrici raccontano le loro esperienze, i loro percorsi, l’impegno costante. 

Anna Maria Crispino per Iacobelli, Angela Di Luciano per VandA, Cecilia Palombelli per Viella e Gabriella Musetti per Vita Activa. 

Dopo l’evento di Book City 2020 dal titolo L’editoria ieri e oggi, continua  l’attenzione dedicata alla produzione di libri a firma femminile di saggistica e di narrativa, alle scelte di chi li cura, al rapporto tra collane e casa editrice nel suo insieme, all’editoria femminista che si basa sul rapporto con il territorio o con altre associazioni. 

Le diversità sono una ricchezza: si può pensare a future collaborazioni e sinergie? 

Dialoga con le relatrici Rossana Di Fazio 

Per rivedere il primo incontro in BookCity 2020: https://www.youtube.com/watch?v=dnDiHSXdLEM&feature=youtu.be 

Per partecipare su ZOOM, registrarsi e prenotarsi al link: https://www.casadonnemilano.it/prenotazioni-webinar 

Per Info: librarsi@casadonnemilano.it 

Incontro del 28 febbraio: GRAZIE a tutt*!

Il 28 febbraio in via degli Scipioni 6, presso la sede legale dell’Enciclopedia sono venute a trovarci autrici, lettrici, madrine, amiche per rinnovare la tessera associativa e salutarci e vedere le ultime novità editoriali. Qui, nella foto, una piccola testimonianza.
È stato bello vedersi e chiacchierare, a distanza e con le mascherine, ma c’eravamo. Grazie mille a chi è venuta, a chi avrebbe voluto venire e non ha potuto, a chi abita lontano e ci ha pensato.
Grazie di cuore a tutt* coloro che partecipano all'”impresa” in ogni modo.

Se non ti sei ancora associata e desideri farlo o sostenerci attraverso una donazione (anche piccola) fallo seguendo le istruzioni a questo link.

Vi abbracciamo, nonostante tutto!

I dati ISTAT sulla disoccupazione. Altro che smart working.

Sono di recente usciti i dati ISTAT sulla disoccupazione. Come sempre accade (ma sarebbe ora di finirla e di fare veramente qualcosa) nei momenti di crisi economica ingiustizie e disuguaglianze presenti nella società si accentuano e si amplificano. A vederli, questi dati di dicembre, fanno paura:  101.000 occupati in meno di cui  99.000 sono donne; 444.000 occupati in meno nel 2020 di cui il 70% donne.

Segnaliamo questo articolo dell’Huffington post

https://www.huffingtonpost.it/amp/entry/lepurazione-di-genere-un-racconto-distopico-nei-dati-istat_it_60190df0c5b653f644d6e737/#

E qui un pdf di sintesi dei dati ISTAT

https://www.istat.it/it/files//2021/02/Occupati-e-disoccupati_dicembre_2020.pdf

Segnalazione. Mercoledì 18 incontro sull’ecofemminismo.

Genere, specie, terra: l’ecofemminismo alla prova della pandemia.
Riflessioni e pratiche per la cura del nostro pianeta

In diretta streaming, mercoledì 18 novembre 2020, ore 17.00

Incontro organizzato da Casa delle donne di Milano, Libera università delle donne, Rete Milanosifastoria, Unione femminile nazionale nell’ambito della VII ed. del progetto Milanosifastoria.

Il pensiero delle donne da tempo ha messo in questione problemi cruciali per la stessa sopravvivenza della specie che la pandemia ha posto sotto gli occhi di tutti. Ha indicato nella fine dello sfruttamento delle risorse naturali, degli animali umani e non umani, nella salvaguardia di tutti gli esseri viventi e delle biodiversità, nei cambiamenti di modelli di produzione e di stili di vita, vie di superamento della crisi ambientale per una società più giusta. La pandemia nella sua tragicità denuncia i limiti del progresso e del modello di sviluppo capitalistico, ci costringe ad una riflessione sull’impostazione dualistica gerarchica uomo/natura, uomo/donna, uomo/animale in cui il primo termine è superiore al secondo su cui si fondano le discriminazioni e le oppressioni della nostra società

Ci chiediamo allora: è possibile una via ecologica e femminista al cambiamento per la salvezza del nostro pianeta?

Interventi

Ecofemminismo e pandemia
Bruna Bianchi, storica, Università Ca’ Foscari di Venezia

Ecofemministe e sostenibilità
Laura Cima, giornalista

Il paradigma della cura
Floriana Lipparini, giornalista, Casa delle donne di Milano

Realtà e limite come insegnamento politico
Daniela Padoan, giornalista, Associazione Laudato sì

Modera
Marilena Salvarezza

Per seguire la diretta e interagire con le relatrici:

https://youtube.com/c/UnioneFemminileNazionale

https://www.facebook.com/unionefemminile

L’Enciclopedia a Bookcity 2020

 

Vi segnaliamo due incontri a cui l’Enciclopedia partecipa nell’ambito di Bookcity. Sono incontri on line, su prenotazione.

In collaborazione con l’Università degli Studi di Milano: 
Giovedì 12 novembre 2020 dalle 10:30 alle 12:30
La schiavitù femminile nella storia: una female agency?

INTERVERRANNO

Beatrice Del Bo (Università degli Studi di Milano), Alessandra Bassani (Università degli Studi di Milano), Vittoria Longoni (Casa delle Donne), Giovanni Minnucci (Università degli Studi di Siena), Margherita Marcheselli e Rossana Di Fazio (enciclopediadelledonne.it).

Prenotazione su:

bookcity.unimi.it
bookcitymilano.it

Qui potete scaricare la locandina

In collaborazione con La Casa delle donne di Milano: 
Sabato 14 novembre h. 15:30
L’editoria femminista ieri e oggi. Un bilancio dagli anni ’70 a oggi.

Laura Lepetit, fondatrice della storica casa editrice La Tartaruga Edizioni conversa e si confronta con: Rossana Di Fazio e Margherita Marcheselli (enciclopediadelledonne.it), Monica Martinelli (Settenove), Luciana Tufani (Luciana Tufani Editrice), Chiara Turozzi (L’Iguana).

Per partecipare su zoom, registrarsi e prenotarsi al link:
https://www.casadonnemilano.it/prenotazioni-webinar/

Qui potete scaricare la locandina

 

 

La riforma del cognome. Webinar.

La riforma del cognome: parità uomo donna e diritto all’identità ancora in attesa che Governo e Parlamento approvino la legge richiesta dalla Corte costituzionale

Un webinar ricco di spunti, quello organizzato dalla Rete per la Parità, insieme con il CNDI – Consiglio Nazionale delle Donne Italiane e l’InterClubZontaItalia, per ricordare che a distanza di quattro anni dalla sentenza della Corte costituzionale n. 286 dell’8 novembre 2016 sul cognome materno l’Italia è ancora priva di una riforma organica del cognome.

L’evento, inserito tra le celebrazioni promosse dal Comitato 603360 lanciato per ricordare i 60 anni di un’altra importante sentenza della Corte costituzionale, la n. 33 del 1960, che aprì alle donne le principali carriere pubbliche, è stato introdotto e moderato da Rosanna Oliva de Conciliis, presidente della Rete per la Parità, che ha sottolineato come l’associazione, da dieci anni impegnata per la riforma del cognome, ritiene che la grave emergenza causata dalla pandemia, che ha colpito in particolare le donne, debba essere motivo di maggiore attenzione ai provvedimenti necessari per assicurare alle stesse la piena cittadinanza e eliminare dannosi stereotipi che ancora rendono le donne invisibili.

A seguire sono intervenute Daniela Monaco, presidente del CNDI e Angela Tassara, presidente InterClubZontaItalia, associazioni fondatrici della Rete per la Parità e attive per le celebrazioni dei 60 anni, come nel 2010 per quelle dei 50 anni.

Per impegni istituzionali non hanno potuto partecipare Luciana Lamorgese, Ministra dell’interno, Elena Bonetti, Ministra per le pari opportunità e la famiglia e Federico D’Incà, Ministro per i rapporti con il Parlamento e le riforme, che speriamo di incontrare quanto prima.

Sono poi intervenute la Ministra per le Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone, nonché le senatrici Alessandra Maiorino, prima firmataria di un DDL sulla riforma e Valeria Valente, presidente della Commissione d’inchiesta sul femminicidio nonché su ogni forma di violenza di genere.

Hanno portato significativi contributi legali, giuridici, scientifici e derivanti da esperienze personali, Antonella Anselmo, avvocata della Rete per la parità, Carla Bassu, professoressa associata di diritto pubblico comparato dell’Università di Sassari, Anna Finocchiaro – presidente di italiadecide e già Ministra per le pari opportunità e successivamente per i Rapporti istituzionali, Marcello Galli e Manuela Magalhães – genitori attori della sentenza della Corte costituzionale 286/2016 e Susanna Schivo – avvocata patrocinante i genitori attori.

L’evento ha costituito un’importante tappa nel difficile percorso verso la nuova legge e offerto preziosi spunti per la Rete per la Parità nel proseguire, nell’azione di pressione e nell’offerta di collaborazione al Governo e al Parlamento iniziata dieci anni fa.

L’intera registrazione della diretta è disponibile su FACEBOOK @reteperlaparita e sul sito

Contatti:
segreteria.reteperlaparita@gmail.com
www.reteperlaparita.it