Anna Maria Princigalli

1916 - 1969
Download PDF

Anna Maria Princigalli è nata a Bergamo il 2 ottobre del 1916. Suo padre era un tenente colonnello natio di Canosa Di Puglia d’istanza in Nord Italia in occasione della Grande Guerra. Sua madre era una maestra elementare bergamasca d’origini svizzere e probabilmente ebraiche.

Anna Maria trascorse l’infanzia e l’adolescenza a Canosa, che lasciò al raggiungimento della maggiore età per studiare all’università di Firenze, dove entrò a far parte degli studenti favoriti dei filosofi Ludovico Limentani e Eugenio Garin. A Firenze si ammalò di tubercolosi, ma riuscì comunque a laurearsi sotto la direzione di Garin in storia della filosofia. In pieno conflitto, si sottopose a Milano a un intervento chirurgico che comportò l’esportazione parziale di un polmone. Trascorse la convalescenza nel sanatorio di Miazzina in provincia di Verbania, dove prese contatto con la Resistenza. Militò nella brigata garibaldina Valgrande Martire e successivamente nella Divisione Mario Flaim, sola donna ad ottenere il grado di ufficiale.

Venne arrestata il 15 ottobre 1944 durante il grande rastrellamento che portò fine alla Repubblica Partigiana d’Ossola e fu incarcerata a Varese e a Milano. In carcere venne torturata dai fascisti. Durante la prigionia si ripresentarono i sintomi della malattia polmonare. Dopo il 25 aprile diresse i primi otto numeri della rivista «Valgrande Martire giornale di brigata», poi chiamata «Monte Marona giornale della divisione alpina Mario Flaim». Lasciò la rivista per assistere Luciano Raimondi per la fondazione e la direzione del convitto Rinascita a Milano, aperti ai partigiani e reduci di guerra privi di formazione, ma anche ai bambini ed adolescenti orfani e sfollati di guerra. Fu la direttrice del convitto Rinascita di Novara che rappresentò alle Conferenze dei direttori delle comunità di bambini in Svizzera, Francia e Belgio. Partecipò alla fondazione della FICE – Féderation Internationale des Communautés d’Enfants affiliata all’Unesco e si specializzò in psicologia infantile all’Institut Jean-Jacques Rousseau di Ginevra con Jean Piaget ed in seguito a Parigi con Heni Wallon. In un documento redatto dalla parlamentare, ex partigiana e educatrice Claudia Maffioli, se ne tracciano le qualità di direttrice del convitto di Novara e si riporta di come il futuro psicologo infantile ed ex partigiano Guido Petter, iniziasse la sua attività di educatore proprio aiutando e assistendo la Princigalli. Sia Petter che Maffioli in due diverse occasioni hanno ricordato i meriti della Princigalli per aver introdotto nei convitti Rinascita le più avanzate metodologie educative apprese all’estero. Lo stesso Petter tradurrà negli anni Settanta il noto testo di Piaget La géométrie spontanée de l’enfant in cui l’eminente psicologo svizzero cita una ricerca condotta assieme alla Princigalli. Sui rapporti tra quest’ultima e Jean Piaget, vale la pena di citare una lettera di Cesare Pavese in cui racconta all’editore Erich Linder di aver chiesto alla Princigalli, con la mediazione di Vittorini, d’intercedere su Piaget per ottenere un’edizione aggiornata di La représentation du monde chez l’enfant al fine di pubblicarlo in Italia per l’Einaudi, nella collana curata dallo stesso Pavese assieme all’etnologo Ernesto De Martino.

Fece parte della così detta “brigata universitaria” costituita da ex partigiani che per volontà del filosofo Antonio Banfi andò a rinnovare l’ateneo milanese dopo gli anni oscurantisti del fascismo.
Inoltre Romano Chiovini, fratello del partigiano e storico della Resistenza in Verbania Nino Chiovini e membro della divisione Flaim assieme alla Princigalli, ricorda di averla conosciuta alla fine degli anni Quaranta assieme alla psicologa infantile ed ex partigiana Marcella Balconi all’orfanotrofio dell’Istituto Pedroni a Cresseglio in provincia di Verbania, diretto da Adelina Guadagnucci.

Al rientro dalla Francia, Dina Rinaldi nel 1950 la propose alla direzione del PCI come membro della futura redazione della rivista «Educazione Democratica» di cui faceva parte anche Gianni Rodari. Per conto della rivista scrisse l’articolo La pedagogia di Anton Makarenko che l’affermò tra i principali esponenti della scuola del pedagogo sovietico, tanto che il testo fu ripreso dalla nota pedagogista Dina Bertoni Jovine.

Per la rivista «Rinascita» diretta da Palmiro Togliatti (sullo stesso numero compaiano articoli di Amendola, Longo e Calvino), pubblicò l’articolo Infanzia del dopoguerra.

Organizzò attività e discussioni tra i ragazzi vittime di guerra e ospitati nei convitti Rinascita. Utilizzava l’arte e il gioco nelle pratiche educative il cui obiettivo primario doveva essere far rifiorire la fiducia in se stessi e negli adulti che avevano tolto loro l’infanzia. Registrava le loro opinioni sulla guerra, sulla differenza tra bene e il male (i fascisti e i partigiani, i tedeschi e gli americani), sulla sfiducia e della speranza. Secondo la Princigalli i bambini dovevano partecipare alla vita democratica della loro scuola-comunità, affermava quindi che i convitti non dovevano limitarsi alla mera funzione di dare un tetto a chi aveva perso genitori e case. Anna Maria Princigalli censurava ogni forma di coercizione sui bambini ed accusava la scuola pubblica di non rendere “L’infanzia un’esperienza felice”. In effetti denunciò il fatto che i ragazzi che avevano ottenuto ottimi risultati nei convitti Rinascita, una volta inseriti nella scuola pubblica registravano peggioramenti e bocciature. Non a caso, la Princigalli fece parte della commissione del ministro Gonella per la riforma della scuola composta dai più noti pedagogisti italiani, ma la loro proposta di legge non fu mai approvata a causa dei contrasti in seno alla Democrazia Cristiana.

A causa dell’aggravarsi della malattia polmonare e di altri problemi personali e di salute, si ritirò a soli 40 anni dalla vita pubblica e accademica. Il suo caso fu seguito da vecchi capi partigiani quali Ferruccio Parri, Paolo Pescetti, Aristide Marchetti, Giuseppe Boffa e Giancarlo Pajetta. Trascorse gli ultimi anni della sua vita alloggiando, lavorando e studiando presso l’istituto di studi comunisti delle Frattocchie. Morì il 24 gennaio del 1969. Il quotidiano «l’Unità» la salutò come valorosa partigiana, educatrice e pedagoga dei convitti Rinascita. Infatti oltre a Milano e a Novara lavorò anche all’asilo dell’ANPI a Roma. La scomparsa accidentale degli archivi originali del convitto di Novara e il suo ritiro prematuro spiegano forse le ragioni del suo oblio dalla storiografia ufficiale sui convitti Rinascita.

Fonti, risorse bibliografiche, siti

Articolo de l'Unità su Convitto Di Novara, 1948

Articolo de l'Unità su Anna Maria Princigalli, 1969

Assemblée généerale de la Federation Internationale des communautés des enfants, proces verbal, 1949, UNESCO

Assemblée généerale de la Federation Internationale des communautés des enfants, liste des participants, 1950, UNESCO

Autori Vari, L’internationale des communautés d’enfants, une recherche collective, Carnet de l'équipe de recherche « Histoire et socio-histoire des éducations » Paris 8 – CIRCEFT

Bellassai Sandro, La morale comunista: pubblico e privato nella rappresentazione del PCI: 1947-1956

Boffa Giuseppe, Memorie dal comunismo storia confidenziale di quarant'anni che hanno cambiato volto all'Europa, 1998

Brosse Therese, Conference de directeurs de communauté d'enfants, 1950, Unesco

Calamandrei Piero Il ponte: revista mensile de politica e letteratura, Volume 6, 1950

Chiovini Nino, Fuori legge? Diario partigiano.

Codignola Ernesto -, carteggio, Scuola Normale di Pisa

Codignola Ernesto, Maestri e problemi dell'educazione moderna, Firenze, 1951

Don Secondo Falciola, Miazzina e l'eremo nelle vicende partigiane, Editore L'eremo di Miazzina

Gardet Mathias, LE MODÈLE IDÉALISÉ DES COMMUNAUTÉS D'ENFANTS À L'ÉPREUVE DE LA RÉALITÉ FRANÇAISE, 1948-1955, Geneve 2010

Graziella Cavallero, Tesi di laurea "I Convitti scuola della Rinascita", Relatore Prof. Remo Fornaca

Jovine Betti Dina, La pedagogia di Makarenko, Educazione democratica, 1955

Meda Juri, O_partigiano_portami via

Muratore Rosario, A scuola come in fabbrica

Pavese Cesare, Lettere 1945-1950. A cura di Italo Calvino

Jean Piaget, Bärbel Inhelder, Alina Szeminska, La géométrie spontanée de l'enfant, 1948

Princigalli Anna Maria, Conférence au congrés des communautés des enfants à Togen, 1948

Princigalli Anna Maria, Infanzia del dopogerra, Rivista Rinascita,1950

Princigalli Anna Maria, Colloqui con il lettore, La figura del dirigente dei ragazzi, Educazione democratica, 1954

Princigalli Anna Maria, La pedagogia di Marakenko, Educazione democratica, 1953

Princigalli Anna Maria, Consigli degli anziani, Educazione Democratica, 1954

Princigalli Giovanni, La partigiana dei bambini in Resistenza Unita, numero di aprile, maggio, giugno 2016

Pruneri Fabio, La politica scolastica del Partito Comunista Italiano dalle origini al 1955, 1999

Rambaldi Enrico I., Gli insegnamenti filosofici nella Facoltà di Lettere (1924-1968), Milano, 2007

Rinaldi Dina, Lettera alla direzione del PCI, 1950, Presso Istituto Gramsci Bologna

Rotten Elisabeth, Children's Communities - A Way of Life for War's Victims, 1949, UNESCO

Schemensky Hansjurgen, Die moderne erziehungsgemeinschaft struktur und padagogischers...1966 l'Université de Californie

Torrini Maurizio, Lettere di Ludovico Limentani a Eugenio Garin, 2007

Wolfgang Nastainczyk, Makarenkos Sowjetpädagogik: Kristische Analyse seiner Kollektivation, Quelle & Meyer, 1963 - 313 pages, Université du Michigan

Giovanni Princigalli

Giovanni Princigalli si è laureato sotto la direzione di Franco Cassano all’Università di Bari in Scienze politiche con un indirizzo storico-sociale. In seguito ha conseguito un master in studi cinematografici presso l’Université de Montréal con una tesi diretta da Silvestra Mariniello, ma ha altresì studiato antropologia visuale con Annie Comolli in Francia, sceneggiatura con Umberto Contarello e Giuseppe Piccioni, e cinema documentario con Carlo Alberto Pinelli. Ha insegnato cinema italiano e documentario presso le università McGill e UQAM a Montreal. Ha pubblicato l’articolo Il racconto di una realtà credibile, riflessioni su documentario e cinema antropologico per la rivista «Lares», e l’articolo Porajmos l’olocausto rom per la «Rivista di Scienze Sociali». I suoi documentari sulle donne in Africa, sull’emigrazione italiana in Canada e sui Rom in Italia hanno vinto premi in Francia, Serbia, Italia e sono stati presentati in numerosi festival, musei e cineteche del mondo. Attualmente è membro del Centre for Oral History and Digital Storytelling della Concordia University.

Leggi tutte le voci scritte da Giovanni Princigalli