Lozen

1840 - 1889
Download PDF

Warrior Woman” è la storia di Lozen, sorella del famoso guerriero Apache Victorio e guerriera a pieno titolo. La sua è una storia poco discussa nei libri di storia dei nativi americani. Invece, molto di ciò che si sa di lei è stato tramandato di generazione in generazione attraverso storie e leggende. Ad esempio, si dice che fosse imbevuta di poteri soprannaturali, datile dagli dei. Alzava le braccia al cielo e metteva i palmi delle mani contro il vento, e attraverso il calore che sentiva nelle sue mani aperte, poteva rilevare la direzione e la distanza dei suoi nemici.

Che sia vero o no, è andata in battaglia al fianco di Geronimo nelle guerre Apache e ha combattuto aspramente e selvaggiamente fino a quando non è stata catturata insieme al suo popolo, caricata su vagoni ferroviari e mandata in prigione a est, dove ha trascorso i suoi ultimi giorni. Questi sono fatti storici documentati dai vari libri che si sono occupati della figura di questa potente guerriera Apache. I fatti storici e le storie orali che ricreano la sua vita, con dettagli che raccontano la storia della sua infanzia, circondata dalla vastità della natura e dalle leggende e religioni Chiricahua che hanno plasmato i suoi pensieri.
Descrive le sue cerimonie di raggiungimento della maggiore età e l’ingresso nella sua tribù come leader spirituale. Quando gli uomini bianchi presero lentamente il controllo della terra del suo popolo e lo costrinsero da una riserva all’altra, il suo ruolo si evolse lentamente per eguagliare quello del guerriero più fedele, un evento quasi inaudito tra i nativi americani del 19° secolo, dove il posto di una donna era con i bambini nei villaggi. Questa non è solo la storia di Lozen, ma la storia della sua gente, dagli eventi che hanno portato alle Guerre Apache fino alla loro inevitabile e sfortunata conclusione.

I guerrieri nativi americani come Toro Seduto (Lakota), Tecumseh (Shawnee) e Geronimo (Apache) sono stati a lungo celebrati come difensori delle loro genti. La loro coraggiosa resistenza agli invasori stranieri ha contribuito a garantire la sopravvivenza culturale. Un guerriero meno noto era Lozen, una donna Apache, che resistette anche al dominio europeo. È conosciuta per il suo coraggio, l’abilità militare e la dedizione alla sicurezza del suo popolo durante un periodo tumultuoso nella storia degli indiani Apache. Lozen era una sciamana guerriera, che, con il suo forte spirito umanitario, combatté contro le forze messicane e americane per 30 anni, guadagnando il soprannome di “Giovanna d’Arco” degli Apache.

Lozen poteva cavalcare un cavallo e sparare; si dice anche che abbia usato poteri soprannaturali per individuare il nemico. Era una fidata alleata del famoso capo Apache Geronimo e sorella del capo Apache Victorio. Sebbene questi uomini siano meglio conosciuti agli storici, Lozen rimane una leggenda per la sua gente ancora oggi.

“Lozen è la mia mano destra”, disse una volta Victorio di sua sorella. “Forte come un uomo, più coraggioso della maggior parte degli uomini e astuta nella strategia. Un forte scudo per la sua gente”.

Lozen nacque intorno al 1840 nella banda della tribù Chihenne degli Apache Chiricahua,
vicino a Ojo Caliente, New Mexico. All’epoca, c’erano almeno sette bande di Apache e numerosi clan distribuiti in una vasta area conosciuta come Apacheria, in quello che ora è il Messico settentrionale, l’Arizona orientale e il New Mexico sudoccidentale.

La band dei Chihenne, nota anche come Chiricahua Orientale o “persone di vernice rossa”, sono riconosciute dalla fascia rossa di argilla indossata sui loro volti durante le cerimonie.
Conosciuti anche per i raid, le bande di Apache erano spesso in guerra e sempre in movimento. Tradizionalmente erano nomadi, gli stessi Apache Mescalero nel New Mexico dicevano di se stessi: “Non siamo mai stati in un solo posto.”

Il nome di Lozen, che significa “Abile Ladra di Cavalli”, riflette l’abilità che le ha spesso permesso di intrufolarsi dietro le linee nemiche, radunare i cavalli e rubarli. La sua furtività e coraggio sarebbero diventate preziose qualità, in un periodo di conflitto quasi costante. “Lozen iniziò a combattere i soldati messicani e i cacciatori di scalpi, eterni nemici della sua band, quando divenne maggiorenne … dopo che gli americani arrivarono nel 1849 per rivendicare la sua patria, allora combatté“, scrisse Peter Aleshire in Warrior Woman: The Story of Lozen, Apache Warrior e Shaman.

Lozen nacque in una cultura matriarcale con una divinità chiamata “donna dipinta di bianco”, al centro della storia della creazione del suo popolo. Così crebbe con la consapevolezza che le donne hanno sempre svolto un ruolo importante per la loro gente.

Era una donna guerriera nel suo tempo. Gli Apache avevano sempre una donna con loro, si trovava sempre dietro l’uomo con un coltello o una pistola: se l’uomo moriva, il nemico doveva avere a che fare anche con la donna. Le donne nascondevano anche i bambini dai nemici.

Nel 1848, il New Mexico divenne un territorio degli Stati Uniti sotto il trattato di Hidalgo.
Una corsa all’oro della California quell’anno portò moltitudini di minatori attraverso l’Apacheria. Quando Lozen aveva 12 anni, subì i riti di pubertà che consistevano nell’andare sola sulle montagne e, secondo la storia orale, guadagnò un potere soprannaturale per individuare i nemici. Harlyn Geronimo, pronipote di Geronimo, disse che Lozen sollevava le mani e camminava in un cerchio fino a quando le vene tra le braccia diventavano blu scuro, indicando la direzione da cui si sarebbe avvicinato il nemico.

Nel 1861, il capo Cochise fu falsamente accusato di aver rapito il figlio di un allevatore, scatenando una serie di conflitti che avrebbero coinvolto gli Stati Uniti e varie nazioni di Apache in conflitto per 24 anni. Nel 1862, Cochise e un altro capo andarono a combattere ad Apache Pass con 200 guerrieri, ma furono respinti dai cannoni Howitzer.

Lozen si trovava all’Apache Pass, fu accolta in consiglio come guerriero e combatté per anni, con suo fratello Victorio, nella lotta per la loro patria. Fu probabilmente coinvolta in un raid a cavallo a Fort Craig, dove Apaches armati di archi e frecce rubarono cavalli ai soldati.
Nel 1869, si unì a Victorio e ad altri leader Apache in un incontro per stabilire il ritorno a Ojo Caliente, ma furono invece trasferiti in condizioni più dure nella riserva di San Carlos in Arizona.

Nel 1877, Victorio, Lozen e altri Chihenne fuggono da San Carlos, scegliendo la guerra piuttosto che tornare. Si divisero per sfuggire alla cattura e Lozen in seguito scortò un gruppo di donne e bambini in Messico attraverso il fiume Rio Grande. James Kaywaykla, un bambino all’epoca, ricordava di aver guidato dietro sua nonna mentre la band di Chihenne fuggiva dalle forze americane. Kaywaykla disse di aver visto una “magnifica donna” su un bellissimo cavallo, che teneva un fucile sopra la testa. Dopo che il gruppo raggiunse il Messico, Lozen ritornò attraverso il Rio Grande, unendosi di nuovo alla lotta.

Ad un certo punto, Lozen lasciò la band per aiutare una giovane donna incinta ad attraversare il deserto di Chihuahuan nel Messico, per tornare dalla sua famiglia nella riserva Apache dei Mescalero. Era equipaggiata di un solo fucile, una cartucciera, un coltello e una scorta di viveri per tre giorni. Mentre era in fuga, suo fratello Victorio morì in una imboscata a Tres Castillos, dove morirono anche molti altri Apache. Alcuni dissero che se fosse stata presente Lozen, Victorio non sarebbe stato caduto nell’agguato.

Dopo la morte di Victorio, Lozen continuò a combattere con Geronimo. Nel 1882, si unì a lui in un raid per liberare 600 persone dalla riserva di San Carlos e lo sostenne di nuovo nel 1885 durante la sua ultima fuga dalla riserva. Secondo i suoi discendenti, Geronimo decise di arrendersi nel 1886 per garantire la sopravvivenza agli ultimi del suo popolo.
Lozen, Geronimo e molti altri furono quindi portati nelle carceri della Florida. In seguito Lozen morì in Alabama all’età di 50 anni per tubercolosi, ma alcuni dei suoi parenti tornarono a ovest. Dopo la fine delle guerre, molti Apache tornarono in New Mexico dalla Florida. La comunità Apache nella riserva di Mescalero continua le tradizioni di maturità delle donne ancora oggi, alla quale anche Lozen si attenne partecipandovi più di 180 anni fa. La comunità continua anche a celebrare l’eredità di Lozen. I discendenti della famiglia di Lozen sono ancora oggi presenti all’interno della comunità Mescalero del New Mexico.

Fonti, risorse bibliografiche, siti

Riferimenti cultura di massa: Lozen è uno dei personaggi principali del romanzo The Hebrew Kid and the Apache Maiden, scritto da Robert J. Avrech ed edito da Seraphic Press nel 2006[6].

Figura, inoltre, come personaggio di altri romanzi, come ad esempio:
- The Warrior's Path, romanzo del 1998 di Karl Lassiter
- Victorio's War, romanzo di John Wilson pubblicato nel 2012
- Ours, romanzo del 2008 di Philippe Morvan

James Kaywaykla; Eve Ball (1970). In the Days of Victorio : Recollections of a Warm Springs Apache. Tucson: University of Arizona Press.
H. Henrietta Stockel (2000). Chiricahua Apache Women and Children : Safekeepers of the Heritage. College Station: Texas A & M University Press.
Peter Aleshire (2001). Warrior Woman, the Story of Lozen, Apache Warrior and Shaman. New York: St. Martin's Press.

[social_share]

Paolo Robaudi

Giornalista, Fotoreporter e Filmmaker, attraverso un percorso a ritroso, come i gamberi. Produce contenuti editoriali per la comunicazione sul web. Scrive per giornali online. Racconta storie digitali, prodotti, aziende e persone, narrandole. Viaggiatore e figlio d’arte.

Leggi tutte le voci scritte da Paolo Robaudi